Nozze in campagna e Bon Ton

Nozze in campagna e Bon Ton

Nozze in agriturismo, vi spiego la differenza dalla scampagnata

di Nicola Santini- esperto di etichetta e autore di NON LO FACCIO PIU’

Agosto non è solo mese di vacanza, per qualcuno ci sono ancora dei giorni di autentici lavori forzati, ovvero le feste di nozze che, complice il caldo e la voglia di strafare, per i più sono una tortura.

Il boom attuale documentato anche dai telegiornali è la festa in agriturismo, in mezzo alla campagna, tra i profumi del fieno e gli olivi, tra le piante secolari e le cicale. Una location ideale altamente instagrammabile che però tra un fiore di zucca all’aperitivo e un passaggio di porchetta prima del dolce, nasconde insidie e attacchi al senso dello stile che poco hanno a che vedere con il dress code bucolico che tutti vorremmo immortalare.

Il matrimonio in campagna non è una scampagnata e l’informalità è soltanto apparente. Molti scambiano l’informalità con la mancanza di forma e da qui si declinano le peggiori scelte, complici anche certi tutorial e maestri di stile improvvisati che parlano per assoluti, dimenticando che è sempre la cornice (e il terreno che si calpesta) a fare la differenza. Se da un lato i tacchi alti sono poco raccomandabili, per esempio, qualcuno dimentica che se la zona dove si pranza e dove si balla è pavimentata, non esiste un divieto specifico. Camminare infatti su scarpe rasoterra è altrettanto insidiante per chi non è esattamente un’esperta. Il trucco è il tacco medio. Sceglietelo chiuso, niente sandali, da preferire per altre occasioni verdi.

Per gli amanti del total lino in estate una buona notizia: non vale solo al mare ma anche in campagna, a patto di evitare il total white:

  1. Per non rubare la scena cromatica alla sposa;
  2. Perché in campagna è meglio sbizzarrirsi con i colori della terra e delle piante. Se in tutti gli altri contesti, ad esempio, il marrone è sconsigliato, in un matrimonio in campagna toni come terra bruciata, legno, mogano e tabacco fanno la loro figura.

Sugli abiti a fiori c’è sempre da fare attenzione: non è vero che donano a tutte e molti fanno l’effetto prendisole o badante (a seconda della taglia e del volume dell’acqua ossigenata) per cui meglio optare per motivi discreti e fiorellini minuscoli.

Le borse sono di dimensioni ridotte ma, a patto che non siano nello stesso materiale del cappello (che sarebbe esagerato), sono belle anche in paglia o in midollino, purché non ricordino proprio il cesto della frutta rubato nel retro: un accessorio o un pantone più urbano creeranno equilibrio lasciando al materiale di base la funzione di semplice richiamo.

Vi informiamo che, per migliorare la Sua esperienza di navigazione su questo Sito, (Palmanova Outlet Village) utilizza dei cookies. La Stessa impiega diversi tipi di cookies, tra cui cookies a scopo di profilazione e cookies di terze parti che consentono, a queste ultime, di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Alla pagina Informativa estesa è possibile negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su “Accetto ” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati nell' Informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. – ed artt 13-14 del REG UE 679/16